«

»

Contributo a fondo perduto fino al 50% per l’efficientamento energetico nelle imprese

efficienza energetica2Sono stati stanziati 120 milioni di euro per le imprese che investono in efficientamento energetico. La Misura Efficienza Energetica 2015 prevede le due seguenti forme alternative di  agevolazioni:

  • Contributo a fondo perduto del 50% delle spese ammissibili per i soli programmi di importo inferiore o uguale a euro 400.000.
  • Finanziamento agevolato senza interessi per una percentuale nominale delle spese ammissibili complessive pari al 75 per cento.

Più in particolare i programmi d’investimento finanziabili devono prevedere spese non inferiori a €.30.000 e conseguire la realizzazione di interventi funzionali alla riduzione nominale dei consumi di energia primaria all’interno di un’unità produttiva esistente.

Nello specifico le tipologie di intervento che possono essere finanziate sono:

  • isolamento termico degli edifici al cui interno sono svolte le attività economiche (es. rivestimenti, pavimentazioni, infissi, isolanti, materiali per l’eco-edilizia, coibentazioni compatibili con i processi produttivi);
  • razionalizzazione, efficientamento e/o sostituzione dei sistemi di riscaldamento, condizionamento, alimentazione elettrica ed illuminazione, anche se impiegati nei cicli di lavorazione funzionali alla riduzione dei consumi energetici (es. building automation, motori a basso consumo, rifasamento elettrico dei motori, installazione di inverter, sistemi per la gestione ed il monitoraggio dei consumi energetici);
  • installazione di impianti ed attrezzature funzionali al contenimento dei consumi energetici nei cicli di lavorazione e/o di erogazione dei servizi;
  • installazione, per sola finalità di autoconsumo, di impianti per la produzione e la distribuzione dell’energia termica ed elettrica all’interno dell’unità produttiva oggetto del programma d’investimento.

Sono ammissibili le spese che riguardano l’acquisto di nuove immobilizzazioni materiali e immateriali che rientrano nelle seguenti categorie:

  • Opere murarie (max 40% dell’investimento complessivo ammesso);
  • Acquisto ed installazione di impianti, macchinari ed attrezzature (nuovi);
  • Acquisto di prodotti software funzionali al monitoraggio dei consumi energetici (per le grandi imprese ammesso solo il 50% della spesa sostenuta);
  • Servizi di consulenza funzionali alla definizione di diagnosi energetiche e/o alla progettazione esecutiva, alla direzione dei lavori, al collaudo degli interventi da realizzare ed ai relativi oneri di sicurezza, nonché alla progettazione ed implementazione di sistemi di gestione energetica.

Se vuoi approfondire la fattibilità del tuo progetto d’impresa e verificare la possibilità di ottenere i finanziamenti, potrai compilare la seguente scheda di valutazione degli investimenti al seguente link: